Occhiali compassionevoli: una visualizzazione guidata

vagare della mente, meditazione dei pensieri come nuvole.

 Cosa succederebbe se indossassi degli occhiali compassionevoli  attraverso cui guardare te stesso da una nuova prospettiva, con la lente della gentilezza, dell' accettazione completa e dell'amore incondizionato?


Condividi l'articolo con...

 Jean Fain, psicoterapeuta affiliata alla Harvard Medical School, specializzata in problematiche alimentari e autrice del libro "The Self-Compassion Diet: A Step-by-Step Program to Lose Weight with Loving-Kindness (English Edition)" ritiene che molte persone che si rivolgono a lei, insoddisfatte del proprio corpo, ricorrono spesso a misure drastiche per essere più magre, toniche, proporzionate etc. perchè sono convinte che solo raggiungendo il loro “ideale” di forma fisica potranno volersi bene ed essere felici. 

Attraverso pratiche di meditazione e tecniche di visualizzazione guidata, Jean Fain insegna invece a guardarsi da una nuova prospettiva e un approccio più positivo con il proprio corpo, in modo da migliorare l’autopercezione e di conseguenza l’ umore.

Questa suggestiva visualizzazione, tratta dal libro della Fain, aiuta a “mettere a fuoco” una nuova immagine di se stessi, positiva e amorevole, attraverso la lente della compassione.

Occhiali compassionevoli: una visualizzazione guidata

Assumi una posizione comoda e respira tranquillamente. Immagina di avere un paio di occhiali con delle lenti distorte. Questi, una volta indossati, ti fanno vedere te stesso sotto la peggiore luce possibile. La vista può non essere del tutto chiara.  Ora prova a  immaginare te stesso a figura intera, riflesso in un specchio. Lo specchio è vecchio, appannato, la cornice non è particolarmente elegante. Puoi  immaginarti vestito o nudo, concentrati su alcune parti del tuo corpo. Se hai recentemente preso peso, nota dove lo hai accumulato. Osserva i gonfiori, i cedimenti, la cellulite ed ogni imperfezione. Espandi il tuo focus per includere i pensieri autocritici: “Se avessi seguito la dieta, sarei più magro e più felice.” Rimugina su tutto ciò che non va :" Odio il mio corpo. È disgustoso. Non perderò mai peso. Sono  senza speranza! ". Sperimenta l'autocommiserazione:" Le altre persone perdono peso; perché io non riesco? C’è qualcosa di sbagliato in me." ... A un certo punto potresti sentire l'urgenza di toglierti gli occhiali, resta ancora un pò con questo paio di lenti fino a sentirti a disagio, ma non del tutto.

 

E poi finalmente indossa un altro paio occhiali, la coppia di lenti compassionevoli. Inspira la calma, espira il disagio e guardati  nuovamente. Questa volta in uno specchio trasparente e decoroso. Guarda tutto il tuo corpo nella bellissima luce dorata dello specchio. Sei irradiato da un’energia naturale. Mentre sei immerso nel tuo riflesso, permetti alla compassione di  inondarti, rinfrescandoti e rilassandoti allo stesso tempo. Che tu sia vestito o nudo, nota che differenza fa la compassione sull'immagine di te.  È più facile, non è vero, osservare il tuo stato di salute e di forza con gli occhiali amorevoli?  Non puoi essere indifferente al meraviglioso disegno del corpo, il tuo corpo.  La tua bellezza interiore.  La tua testa e il tuo cuore.  La tua innata capacità di pensare, sentire, amare.  È naturale ora per te sentirti fiero, provare  un senso di  orgoglio e sicurezza.

 

 Non è necessario cercare di vedere la totale perfezione mentre osservi il tuo corpo e indossi gli occhiali compassionevoli.  Ma ti è facile vedere la bellezza delle tue imperfezioni.  O per lo meno, riesci a vedere il tuo corpo con più accettazione e meno critiche.  Puoi ammirare le parti del tuo corpo preferite con l'orgoglio e l' amore di una madre.  Sei grato per tutto ciò che è "normale": le dita dei piedi e delle mani, gli occhi e le orecchie, le labbra che formano un sorriso. Puoi godere di tutto ciò che la vita ti ha donato.

 

 In questa luce gloriosa, il tuo corpo è un tempio sacro, degno di cure e protezione, meritevole di cibo buono e nutriente.  Un po' di adipe corporeo è necessario: ti mantiene caldo e  ti fa stare comodo.  Ti sostiene in salute e in malattia.  Le tue lenti compassionevoli non subiscono distorsioni.  Puoi vedere tutto chiaramente così come puoi vedere la tua forma reale.

 

Così riesci a vedere l'eccesso di cibo sul tuo corpo per quello che è: ossia la necessità di portare più attenzione nella tua vita.  Prestare attenzione a come ti senti e a quello di cui necessiti, o se hai bisogno di un supporto. Notare se a volte mangi di più ed essere consapevole che questo può succedere, è normale.  E se invece eccedi troppo spesso, sapere che qualcosa ha bisogno della tua attenzione.  Qualunque cosa richieda la tua attenzione, vale sicuramente la pena di essere vista.  Certo, puoi sempre migliorare con attività fisica e mangiando meglio.  Fa parte del prenderti cura di te.  Ma ora riesci a vedere la tua immagine in modo completo.

 

E ora finalmente indossi i tuoi occhiali nuovi, il paio di lenti compassionevoli.  Hai una prospettiva nuova.  Ciò che emerge è quanto sia piacevole guardarti con occhi più gentili e amorevoli;  sperimentare un maggiore senso di calma, benessere e serenità.  C'è una meravigliosa semplicità che deriva da una maggiore accettazione di te stesso, guardandoti da un punto di vista più completo.

 

Dopo questa nuova e positiva esperienza, puoi indossare un paio immaginario di “lenti  compassionevoli” tutte le volte che lo desideri.  Lenti che ti  restituiscono una nuova visione di te, più gentile, equilibrata ed amorevole.

 

 



Scrivi commento

Commenti: 0